Padova

La nostra sede è attiva nella difesa dei diritti dei dottorandi e dei dottori di ricerca, anche attraverso i suoi rappresentanti nei diversi dipartimenti dell'Ateneo, nella Consulta dei Coordinatori dei Corsi di Dottorato e in Senato Accademico. Grazie a questa presenza negli organi dell'Ateneo è stato possibile ottenere importanti risultati: riduzione delle tasse per i dottorandi senza borsa, passate da 220 euro a 70 euro; possibilità di sospendere il percorso di dottorato per consentire la frequentazione del TFA; estensione rappresentanza dei dottorandi nei consigli di dipartimento; partecipazione alla redazione del nuovo regolamento per i corsi di dottorato di ricerca con salvaguardia dei diritti di rappresentanza nei collegi docenti e nei consigli direttivi; partecipazione alla stesura della parte relativa al dottorato di ricerca della Carta dei Diritti e Doveri degli Studenti e dei Dottorandi.

Nel 2014 abbiamo partecipato a Interdoc, convegno internazionale organizzato dal MIUR, nel semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea, con l'obiettivo di rilanciare i principi per una innovativa formazione dottorale, rafforzandone la dimensione internazionale e interdisciplinare.

ADI Padova si impegna anche nella promozione di eventi culturali: ad esempio, grazie alla partecipazione al bando 2014 per il finanziamento delle iniziative culturali studentesche (L.429/85) è stato possibile realizzare il ciclo di incontri "Aperitivando",  consistente in una serie di conferenze di divulgazione scientifica.

Parte dell'attività, naturalmente, riguarda il sostegno delle campagne nazionali dell'ADI: recentemente Padova è stata una delle sedi che ha partecipato alla maratona per la Dis-coll, e si sta impegnando per promuovere le presentazioni delle Indagini sulla condizione del dottorato elaborate a livello nazionale.

Cariche sociali
Coordinatore: 
Federica Mian
Vice-coordinatore: 
Giovanni Comazzetto
Tesoriere: 
fedechiariotti
Contatti
Email: 
padova [at] dottorato.it
Web