INPS

Seduta CNSU 12-13 gennaio: ADI impegna il MUR su indennità INPS e riforma del preruolo

Nell’adunanza del 12 e 13 gennaio del CNSU, il massimo organo di rappresentanza degli universitari, dei dottorandi e degli specializzandi, ha approvato all’unanimità due mozioni presentate dal nostro Rappresentante nazionale Davide Clementi che impegnano il Ministero dell’Università e della Ricerca e la Ministra Anna Maria Bernini su due fronti molto caldi.

Guida al riesame della domanda di indennità una tantum

Ho diritto all’indennità?

Con l’estensione attuata dall’art. 22, comma 2, lett. b) del d.l. n. 115 del 9 agosto 2022, convertito dalla l. n. 142 del 21 settembre 2022, dottorandi/e e assegnisti/e di ricerca con contratti attivi alla data del 18 maggio 2022, senza più alcun margine di dubbio, hanno pieno diritto all’indennità una tantum prevista dall’art. 32, comma 11, del d.l. n. 50 del 17 maggio 2022.

Nel portale INPS, la domanda rientra nelle indennità erogate dall’INPS ai titolari di rapporto di collaborazione coordinata e continuativa.

Guida al riesame della domanda di indennità una tantum

Ho diritto all’indennità?

Con l’estensione attuata dall’art. 22, comma 2, lett. b) del d.l. n. 115 del 9 agosto 2022, convertito dalla l. n. 142 del 21 settembre 2022, dottorandi/e e assegnisti/e di ricerca con contratti attivi alla data del 18 maggio 2022, senza più alcun margine di dubbio, hanno pieno diritto all’indennità una tantum prevista dall’art. 32, comma 11, del d.l. n. 50 del 17 maggio 2022.

Nel portale INPS, la domanda rientra nelle indennità erogate dall’INPS ai titolari di rapporto di collaborazione coordinata e continuativa.

Qui trovate la guida passo passo su come effettuare la richiesta di riesame.

Indennità una tantum 150 euro in decreto Aiuti ter: facciamo chiarezza

Dopo l’indennità una tantum di 200 euro di luglio, estesa anche ai dottorandi e agli assegnisti nel decreto-legge Aiuti bis grazie alle interlocuzioni con l’ADI, il Governo ha varato un nuovo decreto-legge (Aiuti ter), che prevede l’erogazione a novembre di una nuova indennità, stavolta nella misura di 150 Euro. Su alcuni giornali si afferma erroneamente che coloro che hanno già beneficiato della indennità di luglio non potrebbero richiedere questa ulteriore indennità. Facciamo chiarezza.

Pagine