MIUR

PNR 2021-2027: la (non) consultazione di Gaetano Manfredi

pnr-consultazione

La consultazione annunciata dal Ministero a Guida Manfredi sul Piano Nazionale della Ricerca 2021-2027 assume più un sapore burocratico che programmatico e fa emergere proprio la volontà di incanalare in spazi angusti e predeterminati la direzione della ricerca e dei fondi da destinare ad essa nei prossimi anni, a detrimento di un vero percorco di partecipazione e condivisione di obiettivi e riforme del sistema universitario con i soggetti che lo vivono quotidianamente.

Senza confronto con le parti sociali nessuna riforma del dottorato e del postdoc!

manfredi-riforma-universita

Negli ultimi giorni il Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, ha rilasciato dichiarazioni che destano l’interesse di chi, come noi, si batte ogni giorno per i diritti e le prospettive di dottorandi e precari della ricerca. Riteniamo dunque essenziale che il Ministero si confronti con le parti sociali, evitando di chiudersi in un’autoreferenzialità che danneggerebbe tutta la comunità accademica. 

Coronavirus, ADI consegna firme petizione al Min. Manfredi e ai presidenti di CRUI e CUN

manfredi-coronavirus

La petizione ADI "Tutelare dottorandi, assegnisti e precari della ricerca nell’emergenza Covid-19" in soli 13 giorni ha raccolto più di 8.500 firme, che oggi consegniamo con questa nuova lettera al Min. Manfredi, al Presidente CRUI Resta e al Presidente CUN Vicino. I dottorandi e i precari della ricerca in Italia non possono più aspettare.

Ministro Manfredi, dove sei?

ministro-manfredi

Ci sono parti sociali, che rappresentano a livello nazionale studenti, dottorandi e ricercatori precari, che il Ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi non ha ancora incontrato (neanche in forma telematica) dal suo insediamento, così come non è intervenuto al CNSU. Chiediamo, ancora una volta, un incontro.

Nuovo Ministro, nuovo Ministero, ma il Miliardo di euro per l’Università dov’è? Tutti in piazza il 9 gennaio per il futuro dell’Università e della Ricerca

gaetano-manfredi-universita

Le prime moderate dichiarazioni del neoministro dell'Università sull’ammontare delle risorse da impiegare non fanno ben sperare. Sarebbe il caso che Gaetano Manfredi ponesse le stesse condizioni di Fioramonti: investire almeno un 1 mld di euro per Università e Ricerca nella prossima finanziaria, pena le sue dimissioni. Noi ci mobiliteremo giovedì 9 gennaio 2020 per chiedere un congruo rifinanziamento e radicali riforme del mondo accademico.

Pagine