rappresentanza

Università di Catania, semplificata l’elezione dei rappresentanti dei dottorandi

A poco più di un anno dall’inizio delle attività, ADI Catania raggiunge un importante risultato. Nel corso del Senato Accademico del 18 Giugno, infatti, è stata approvata una modifica al regolamento elettorale di Ateneo per rendere effettiva la rappresentanza dei dottorandi all’interno dei Consigli di Dipartimento.

Primo risultato per ADI Venezia: rinnovata la Consulta dei Dottorandi a Ca’ Foscari

Su richiesta di ADI Venezia l’Università Ca’ Foscari ha rinnovato la Consulta dei Dottorandi, dove è stato eletto Presidente Ludovico Maria Cocco, coordinatore della sede locale di ADI.

Negli scorsi giorni la giovanissima sede di ADI Venezia ha ottenuto un primo importantissimo risultato. Su richiesta della sede ADI, infatti, all’Università Ca’ Foscari è stata rinnovata la Consulta dei Dottorandi, massimo organo di rappresentanza dei colleghi dell’ateneo veneziano, ferma ormai da qualche anno per diffusa inerzia.

Da Trieste a Palermo, i dottorandi scelgono ADI

Da Trieste a Palermo i dottorandi scelgono di nuovo ADI

Nelle scorse settimane si sono svolte elezioni per il rinnovo delle rappresentanze dei dottorandi in diverse università, dal Sud al Nord del Paese. Negli atenei dove è presente con le sue sedi locali, ADI ha ottenuto una straordinaria serie di successi.

Oggi festeggiamo da Trieste fino a Palermo, da domani si torna al lavoro con l’onore e l’onere di rappresentare migliaia di colleghi che hanno deciso di riporre la loro fiducia in ADI. Noi ci siamo!

Sapienza: il Senato prende atto del problema della rappresentanza democratica dei dottorandi

Sapienza: il Senato prende atto del problema della rappresentanza democratica dei dottorandi

Lo scorso 17 aprile si è tenuto, a Sapienza, il primo Senato Accademico dopo le elezioni studentesche del 20-23 marzo. ADI Roma, forte del risultato ottenuto dal proprio candidato, Vasco Avramo (204 preferenze), aveva chiesto al Senato Accademico di sostenere la nomina di quest'ultimo come rappresentante dei dottorandi e dei dottori di ricerca, quale segno di riconoscimento, da parte del massimo organo accademico, dell'importanza del principio di rappresentanza democratica elettiva.

Pagine