università

La madre di tutte le (contro)riforme: i rischi del DL semplificazioni per l’Università

dl-semplificazioni-universita
Il 6 luglio è stato approvato "salvo intese" il DL Semplificazioni con svariati interventi che attengono al comparto universitario. Riteniamo che con la parola d’ordine della semplificazione si apra una breccia pericolosa, che anticipa nuove forme di disuguaglianze e sfruttamento in un sistema accademico già altamente compromesso.

Piano Colao: poche risposte, vecchie ricette

 colao-universita-ricerca

Il Governo ha recentemente pubblicato il documento delle “Iniziative per il rilancio: Italia 2020-2022”, stilato dal comitato di “esperti” in materia economica e sociale presieduto da Vittorio Colao. Pubblichiamo il nostro commento al Piano Colao, dove analizziamo punto per punto le misure previste per il mondo della ricerca e dell'università. 

LGBTQIA e Ricerca: No alle discriminazioni

lgbt-universita

In occasione della Giornata mondiale contro l’omobitransfobia, l’Equality Working Group di Eurodoc ha realizzato un’intervista a tre colleghi di diversi Paesi europei (Italia, Germania e Polonia) per fare il punto della situazione sulle discriminazioni delle persone LGBTQIA nelle università. Fra gli intervistati anche il nostro Luca Dell’Atti, membro della segreteria nazionale che ha parlato delle battaglie di ADI nella lotta alle discriminazioni.

Ministro Manfredi, dove sei?

ministro-manfredi

Ci sono parti sociali, che rappresentano a livello nazionale studenti, dottorandi e ricercatori precari, che il Ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi non ha ancora incontrato (neanche in forma telematica) dal suo insediamento, così come non è intervenuto al CNSU. Chiediamo, ancora una volta, un incontro.

La tutela del diritto di raccontare: verso il recepimento della direttiva UE sul whistleblowing

lettera-whistleblowing-precari-ricerca

Nel 2019 l’Unione europea ha emanato una  direttiva che estende le norme sul whistleblowing anche a chi svolge un lavoro precario. Affinché essa venga recepita dal Governo italiano, in modo da assicurare alle moltissime figure precarie della ricerca, la tutela da fenomeni di mobbing, corruzione e sopraffazione, abbiamo inviato una lettera alla Commissione Politiche dell’Unione europea del Senato e al relatore della legge di delegazione europea 2019.

 

Pagine